Home>servizi>cof>mentoring
Centro per l’Occupabilità Femminile
L’attività di mentoring
L’attività di mentoring rappresenta una metodologia formativa di “accompagnamento” in cui un soggetto esperto (il “mentor”) trasferisce le sue competenze, conoscenze ed esperienze precedentemente acquisite ad “apprendisti”, al fine di favorire questi ultimi nell’identificazione, sviluppo e valorizzazione delle proprie caratteristiche professionali.
L’obiettivo è quello di ottimizzare l’approccio degli”apprendisti”con i diversi contesti che caratterizzano il mercato del lavoro (inserimento in azienda, reinserimento, sviluppo del percorso di carriera, creazione d’impresa, consolidamento aziendale), attraverso l’arricchimento del patrimonio conoscitivo, il rafforzamento della motivazione e l’utilizzo dei privilegiati canali di comunicazione.
Determinante per il conseguimento degli obiettivi prefissati risulta la tipologia relazionale che si instaura tra mentor ed apprendisti, per garantire i reciproci momenti di ascolto, partecipazione e traslazione di “sapere”.
In questo modo il mentor si accredita come figura di riferimento disponibile in ogni momento, in un rapporto basato sulla fiducia e la trasmissione di competenze.
L’articolazione di questa metodologia prevede la realizzazione di incontri collettivi, propedeutici alla realizzazione della fase didattica, ed i colloqui personalizzati, per affrontare le specifiche istanze di ogni “apprendista”.
Gli incontri collettivi
  • Tipologia di intervento: lezione frontale alla presenza contemporanea di max 5 apprendisti, con l’ausilio di tecnologie tradizionali (lavagna luminosa, lavagna a fogli mobili, distribuzione di dispense prestampate);
  • Durata singolo incontro: 4 h.
  • Sede: presso la sede del Centro per L’Occupabilità Femminile;
  • Contenuti didattici:
    Il mercato del lavoro: caratteristiche ed evoluzioni;
    Tipologie di ingresso: lavoro autonomo, dipendente, impresa;
    Innovazioni legislative: La” legge Biagi”;
    La ricerca attiva del lavoro: filosofia ed approccio;
    Il bilancio delle competenze: matrice di orientamento, profilo personale e progetto professionale;
    La variabile “Formazione”: tipologie, vantaggi, soggetti erogatori e fonti informative;
    Gli strumenti da approntare: Curriculum Vitae (tradizionale ed europeo) e lettera di accompagnamento;
    I canali di circolazione degli strumenti: tradizionali ed innovativi;
    Il colloquio di selezione;
    L’impresa e l’imprenditore: aspetti giuridici, attitudini psicologiche, caratteristiche economico-aziendali;
    Le leggi di finanziamento: tipologie, approccio consigliato, fonti informative.
  • Obiettivi formativi:
    Rafforzare la motivazione e l’autostima;
    Focalizzare le qualità innate e valorizzare le competenze;
    Alimentare le relazioni di rete;
    Ottimizzare il processo di scelta propedeutico alla carriera;
    Facilitare lo start-up d’azienda.
  • Obiettivi didattici:
    Favorire la definizione del rapporto privilegiato tra Mentor ed utenti;
    Diffondere l’utilizzo di procedure analitiche per le valutazioni e le scelte.
  • Beneficiari:
    Giovani alla prima esperienza lavorativa;
    Utenti temporaneamente estromesse dal mercato del lavoro;
    Lavoratrici dipendenti impegnate in percorsi di carriera;
    Aspiranti imprenditrici.