Home>comune>settori>tributi>tarsu
SETTORE FINANZIARIO
Per il servizio relativo allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni ed equiparati viene corrisposta una tassa a base annua avente tariffe per unità di superficie dei locali ed aree compresi nelle singole categorie nonché dal coefficiente riferito al numero dei componenti il nucleo familiare.

DENUNCIA
  • Coloro che occupano o detengono locali o aree scoperte a qualsiasi uso adibiti devono rendere denuncia presso gli sportelli della Sezione Tributi entro il 20 gennaio successivo all’inizio dell’occupazione o detenzione corredando la stessa con la seguente documentazione:
    1. Planimetria locali oggetto di denuncia;
    2. Certificazione dalla quale poter desumere data inizio occupazione dei locali (atto di compravendita contratto di locazione).
  • La denuncia ha effetto anche per gli anni successivi, qualora le condizioni di tassabilità siano rimaste invariate. In caso contrario l’utente è tenuto a denunciare nelle medesime forme, ogni variazione relativa ai locali ed aree, alla loro superficie e destinazione che comporti un maggiore ammontare della tassa o comunque influisca sull’applicazione e riscossione del tributo in relazione ai dati da indicare nella denuncia.
  • La denuncia originaria o di variazione decorre, ai fini del pagamento del tributo dal bimestre solare successivo alla data di presentazione della stessa.
  • In caso di cessazione dell’utenza (per trasferimento ad altra località o ad altra abitazione sita nel territorio di Avellino) l’utente deve rendere denuncia di cessazione dell’utenza in corso con apposita istanza da produrre alla Sezione Tributi con l’indicazione del nuovo acquirente (se proprietari dell’immobile) o del proprietario a cui i locali sono stati restituiti (nel caso di finita locazione). La decorrenza della cessazione avrà luogo a partire dal bimestre successivo a quello della presentazione della denuncia stessa.
  • In caso di mancata presentazione della denuncia nel corso dell’anno di cessazione, il tributo non è dovuto per le annualità successive se l’utente che ha prodotto denuncia di cessazione dimostri di non aver continuato l’occupazione o la detenzione dei locali ed aree ovvero se la tassa sia stata assolta dall’utente subentrante a seguito di denuncia o in sede di recupero di ufficio.

N.

CATEGORIA

 

1

Musei, biblioteche, associazioni,luoghi di culto, collegi, istituti di collettività in genere (uffici, aule scolastiche, biblioteche, anticamera, sale d'aspetto, atri, parlatori, dormitori, refettori, lavatoi,ripostigli, bagni, gabinetti ecc.:)

2,1

2

cinematografi e teatri

4,1

3

autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta

3,09

4

campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi

8,07

7

alberghi con ristorazione

7,72

9

case di cura e riposo

10,11

10

ospedale

5,83

11

uffici, agenzie, studi professionali legali, tecnici, sanitari, di ragioneria, di consulenza

3,74

12

banche ed istituti di credito, agenzie di viaggio, assicurative, immobiliari, finanziarie, ricevitorie e simili

6,38

13

negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta e beni durevoli

7,24

14

edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze

7,62

15

negozi di filiatetlia, tende tessuti, tappeti, cappelli, ombrelli, antiquariato

6,94

17

attività artigianali tipo botteghe: parrucchiere barbiere, estetista

2,5

18

attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista

2,27

19

carrozzeria,autoofficina, elettrauto

2,42

20

attività industriali con capannoni di produzione

4,84

21

attività artigianali di produzione di beni specifici

2,33

22

ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub, locande, pensioni, tavole calde, nonché i negozi ed i locali comunque a disposizione di aziende commerciali

15,92

23

mense, birrerie, hamburgherie

12,49

24

bar, caffè, pasticerie

13,06

25

supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari

8,72

26

plurilicenze alimentari e/o miste

8,28

27

ortofrutta, pescheria, fiori e piante, pizza al taglio

16,29

28

ipermercato di generi misti

9,08

30

discoteche, night club

10,88

31.1c.

abitazioni private: 1 componente nucleo familiare

1,32

31.2c.

abitazioni private: 2 componenti nucleo familiare

1,42

31.3c.

abitazioni private: 3 componenti nucleo familiare

1,47

31.4c.

abitazioni private: 4 componenti nucleo familiare

1,53

31.5c.

abitazioni private: 5 componenti nucleo familiare

1,53

31.6c.

abitazioni private: 6 componenti nucleo familiare

1,51



Per ottenere la detassazione dei locali in cui vengono prodotti rifiuti speciali tossici o nocivi si deve presentare apposita istanza alla Sezione Tributi allegando la planimetria dei locali, con indicate le varie destinazioni d’uso ed i locali da detassare, unitamente alla copia del contratto stipulato con Ditte specializzate alla raccolta di cui innanzi. Sono esclusi dalla classificazione dei rifiuti speciali, in quanto rifiuti assimilati agli urbani, quelli elencati nella tabella 1.1.1 della Deliberazione Interministeriale del 1984.

  • In caso di omessa denuncia o di denuncia infedele o incompleta l’ufficio comunale provvede ad emettere, relativamente agli anni cui si riferisce l’infrazione, avviso di accertamento applicando sanzioni previste dalla normativa vigente


L’importo del tributo ed addizionali, degli accessori e delle sanzioni liquidato sulla base dei ruoli dell’anno precedente, delle denunce presentate e degli accertamenti notificati, è iscritto a cura del Funzionario Responsabile in ruoli principali e ruoli suppletivi che vengono posti in riscossione di norma (in n. 4 rate bimestrali consecutive) alle seguenti scadenze:

RUOLO PRINCIPALE
  1. 10 aprile
  2. 10 giugno
  3. 10 settembre
  4. 10 novembre
RUOLO SUPPLETIVO
  1. 10 novembre
  2. 10 aprile
  3. 10 giugno
  4. 10 settembre
Il pagamento può essere effettuato, entro l’ottavo giorno dalla data di scadenza della rata, agli sportelli della EQUITALIA POLIS S.p.a. – Concessionaria dei servizi di riscossione dei Tributi comunali con sede in Avellino alla Via Moccia 68 o presso gli Uffici Postali utilizzando il bollettino di c/c allegato alla cartella esattoriale.

La Sezione Tributi è sempre a disposizione dell’utenza per fornire tutte le notizie di propria competenza, in merito alle iscrizioni a ruolo nonché alle cartelle esattoriali. L’utente che comunque intenda ricorrere avverso gli accertamenti o alle cartelle nei confronti del Comune di Avellino o del Concessionario del servizio di riscossione (per vizi propri della cartella) dovrà produrre entro 60 giorni dalla notifica dell’atto, ricorso in bollo intestato alla Commissione Tributaria Provinciale di Avellino consegnandolo direttamente all’Ufficio che ha emesso il ruolo, o notificandolo tramite ufficiale giudiziario, oppure spedendolo a mezzo posta con plico raccomandato senza busta con avviso di ricevimento. Il contribuente dovrà quindi costituirsi in giudizio entro trenta giorni dalla notifica del ricorso, depositando copia del ricorso stesso alla segreteria della Commissione Tributaria.

 



DAMMI IL CINQUE
Dona il 5x1000 al Comune di Avellino


La pagina di facebook youtube
logo consiglio on line Consiglio
On-Line
logo piano di zona Piano di Zona
logo CUG CUG
logo Punto d'ascolto Punto d'ascolto
logo IMU Calcolo IMU
logo tares TARES
logo Consulta Consulta dei Disabili
logo Victor Hugo Consorzio Univeristario
logo PIU EUROPA Ufficio P.I.U. Europa
logo Informagiovani Informagiovani
logo test terremoti Test - Percezione
rischio sismico
stemma piccolo Stemma-download



-->